Sostituzione della caldaia: detrazione fiscale

La sostituzione della caldaia rientra negli interventi di cui si può usufruire grazie al bonus ristrutturazione 2016.

Infatti, la sostituzione della caldaia con un modello più nuovo e più efficiente, che garantisca una maggiore efficienza energetica rispetto alla situazione preesistente, si configura come intervento di manutenzione straordinaria e, in quanto tale, rientra tra i lavori ammessi al bonus ristrutturazione 2016. Da questo fatto discende che il beneficiario potrà anche richiedere il bonus sugli arredi collegato.

044

La normativa che regolamenta detrazioni fiscali dell’ecobonus per le caldaie è in continuo aggiornamento. Ogni anno, infatti, nella Legge di Stabilità vengono introdotte novità o proroghe. Attualmente la detrazione del 65% è valida fino al 31 dicembre 2016.

Con il termine “ecobonus” si intende l’agevolazione fiscale che consiste in una detrazione fiscale del 65% dall’IRPEF (Imposta sul reddito delle persone fisiche) o dall’IRES (Imposta sul reddito delle società) che viene concessa per interventi che aumentano l’efficienza energetica in edifici già esistenti.

Si tratta quindi di una detrazione dalle imposte sui redditi (Irpef o Ires) in misura pari al 65 per cento, entro un limite massimo di spesa che è differente a seconda del tipo di intervento di riqualificazione energetica eseguito!

022

Per quanto riguarda le caldaie, per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale* o per l’acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, l’importo massimo detraibile è di 30.000 euro.

* Con la dicitura “lavori di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale” si fa riferimento alla sostituzione (che può essere parziale o integrale) di impianti di climatizzazione invernale già esistenti con nuovi impianti dotati di caldaie a condensazione.