Cosa fare al fuorisalone

Da amanti del mondo casa e arredamento, non potevamo che essere presenti alla settimana più importante dell’anno per il design.

La nostra inviata al Fuorisalone è tornata in ufficio con tante idee, foto e racconti.

Ecco quali posti dovete vedere se volete farvi un giro al Fuorisalone.

 Le 5 VIE, quartiere vicino a Via Torino e il Duomo, è senza dubbio il posto che offre più spazi creativi ed è una bellissima vetrina per giovani designer.

Una tappa al Garage Sanremo è d’obbligo ma poi perdetevi per le vie del quartiere, in particolare quelle di  Via Santa Marta e Via San Maurillio. I negozi di design e d’abbigliamento sono talmente belli che vale la pena anche vederli dalla vetrina!

Un’altra tappa fissa del fuorisalone è la Statale, storica università milanese, che una volta all’anno, in occasione del fuorisalone, si trasforma in una fucina di creatività.

Le installazioni della Statale sono sempre magiche e di grande effetto. Tra le più interessanti e particolari ci sono le case di  Marco Ferreri.

L’Architetto italiano, ha interpretato il tema “Open Boarders” proponendo un modello di albergo diffuso dal basso impatto ambientale e dedicato ai nuovi pellegrini. La mostra espone 4 casette/albergo di circa 9metri quadri ciascuna, realizzate prevalentemente in legno e autonome dal punto di vista energetico.

Anche la storia del Brera Design District, come quella delle 5Vie, è piuttosto recente ma già superviva e piena di creatività.

Un po’ per la sua posizione centrale e un po’ perché nella zona sono presenti importanti negozi e showroom – Boffi e  Wall& Decò per citarne qualcuno- questo quartiere è da subito diventato un punto di riferimento durante la settimana del design.

Zona Tortona è senza dubbio il simbolo del #fuorisalone.

Qui trovate i più grandi nomi e multinazionali: fra capannoni riconvertiti, vecchie fabbriche – ora gioielli di design – show-room e studi creativi si respira ancora la stessa voglia di innovazione, lo stesso spirito creativo che l’ha resa famosa.

Noi il dj set del designer Karim Rashid al Magna Pars non  volevamo proprio perdercelo.

 

La Triennale di Milano in vicolo Alemagna dà la possibilità di visitare 11 ambienti immaginati da altrettanti protagonisti di oggi della cultura italiana della progettazione, tra grandi maestri e giovani autori, tra personaggi noti e altri che hanno preferito in questi anni una minore esposizione mediatica, senza mai diminuire la qualità del proprio lavoro.

Parliamo, tra gli altri di Andrea Anastasio, Umberto Riva, Elisabetta Terragni, ma soprattutto di Alessandro Mendini

 

LE 5VIE

12992168_10154744934538572_792499288_n 12992291_10154744934468572_1816751504_n 12992357_10154744934523572_1687971946_n

12992724_10154744957053572_49635424_n 12992988_10154744934508572_313901393_n 13014799_10154744934498572_1438829012_n 13020561_10154744934483572_1287215648_n 13022301_10154744957028572_1444263963_n 13022434_10154744934433572_1944569958_n 13023406_10154744957043572_706335802_n 13023410_10154744934528572_297569407_n 13023506_10154744934473572_1448392547_n

BRERA DESIGN DISTRICT

12966245_10154744956663572_395116596_n

13014868_10154744934293572_1961592137_n

LA STATALE

12980533_10154744956763572_1812748551_n 12988089_10154744956688572_673755701_n 12988093_10154744956748572_1807953573_n 12992309_10154744956693572_746137400_n 12992879_10154744956978572_1514401603_n 13015008_10154744934358572_565558170_n 13020054_10154744956818572_1248130713_n

LA TRIENNALE

triennale 3 triennale 4 triennale 5 triennale 6 triennale triennale2

ZONA TORTONA

12980641_10154744934488572_722435052_n 12988089_10154744934168572_80923069_n 12992329_10154744934238572_1296206436_n 12992377_10154744934218572_1435994855_n 12992928_10154744934153572_1312559088_n 13022331_10154744934138572_1494603025_n 13022346_10154744934208572_488737978_n 13023299_10154744934233572_110383814_n