La casa ideale degli italiani

Dopo cinque anni di attività, Ristrutturazione low cost fa il bilancio sugli interventi più richiesti quando si mette mano all’abitazione, da quelli più funzionali a quelli puramente estetici.

E’ quanto rilevato da Ristrutturazione Low cost, società del settore ristrutturazioni con sede operativa a Legnano (MI).

«Oltre ai singoli interventi abbiamo anche rilevato, negli anni, un ricorso crescente alla professionalità degli architetti, perché l’ambiente casalingo deve rispondere a suggestioni estetiche che una volta erano patrimonio di pochi –riferisce Gianluca Lazzaroni–. Sono tutti indicatori di tendenze che, in certi casi, rispondono a vere esigenze funzionali, in altri derivano dalle mode veicolate attraverso le riviste specializzate di architettura e arredamento oppure le trasmissioni televisive».

  Indicativi, in questo senso, i discorsi pavimenti e pareti. Per i primi, sono sempre più richiesti resina e cemento, materiali che garantiscono un effetto uniforme molto apprezzato. Trattandosi però di materiali costosi e che richiedono la posa da parte di operatori specializzati, chi non può permettersi la soluzione originale ripiega su piastrelle di grande dimensione che, posate senza fuga, suggeriscono omogeneità alla vista. Sempre per i pavimenti resiste il fascino esercitato dal parquet, materiale sempre più richiesto, anche per ambienti particolarmente delicati quali cucina e bagno. A favorire la scelta del parquet il fatto che oggi in commercio siano disponibili, accanto a soluzioni di alta gamma, opzioni decisamente economiche ma di qualità accettabile.

LuciWallpaper

Per le pareti va forte la carta da parati, che non ha nulla a che vedere con le tradizionali tappezzerie; si tratta infatti di materiali di alta qualità, anche molto costosi, che sono realizzati adattandoli alle dimensioni degli ambienti. Da un paio d’anni a questa parte, inoltre, sono in voga le tinte pastello; una soluzione che va per la maggiore nei Paesi nordici, che oggi sono un riferimento per il design di interni. «L’aspetto illuminazione dice molto delle tendenze in atto e del fascino che esercitano le immagini sulle riviste specializzate –continua Lazzaroni–; spesso ci è richiesto di installare fonti di luce che non servono per l’illuminazione diretta, ma per creare atmosfera o valorizzare dettagli di un ambiente. Ne sono un esempio le luci a parete incassate nel muro o i segna passi nei corridoi». Interventi sempre più richiesti sono quelli che fanno uso del cartongesso, o per creare velette che coprano elementi poco estetici come i cassonetti o per creare librerie e altri elementi d’arredo su disegno. È, invece, in declino la soluzione della “sala bagno” a favore di spazi più razionali e funzionali; le vasche da bagno cedono il posto alle più pratiche docce, anche se di comode dimensioni (il piatto doccia minimo richiesto è da 90 cm).

resina

«Su un versante più funzionale, quando si ristruttura completamente una casa, riscontriamo la preferenza per il riscaldamento a pavimento –aggiunge Lazzaroni– che consente risparmi e garantisce maggiore uniformità nella temperatura. Naturalmente, la ricerca di maggiore efficienza nei consumi si scontra con le disponibilità di portafoglio, quindi si deve spesso scendere a compromessi sul costo dell’impianto. Significativa la preferenza accordata, nella distribuzione degli spazi, alla zona giorno, quella più vissuta, che deve essere anche la più luminosa possibile. Restando in zona giorno, le cucine sono rivelatrici delle esigenze imposte dalle case di oggi, più piccole di quelle di una volta (85 metri quadrati commerciali in media), per cui si predilige la soluzione dell’ambiente semi aperto, che combina l’optimum, rappresentato dall’ambiente separato, con il valore estetico aggiunto degli elementi di comunicazione fra gli spazi». Indicative dell’ottimizzazione degli spazi sono, infine, le attrezzature e rifiniture per le zone aperte, come balconi e terrazze: i nostri clienti li vogliono rendere a tutti gli effetti locali aggiuntivi della casa, come nei bagni, le nicchie».